Balzo delle Rose

Appennino tosco-emiliano 

Data escursione: 2 Febbraio 2021
Vetta: Balzo delle Rose - 1.741 m
Organizzata: Privatamente
Difficoltà:
EAI - Escursionisti Ambiente Innevato

Scarica traccia GPS

 

      1. Schiaccianoci Marcia - Tchaikovsky

Il  fianco occidentale del Balzo delle Rose è attraversato dalla “Strada Ducale”, fatta costruire fra il 1819 ed il 1823 per volere soprattutto di Maria Luisa di Borbone, duchessa di Lucca. Serviva una via di comunicazione col ducato di Modena senza dover attraversare i territori del Granducato di Toscana con cui non esistevano buoni rapporti. Nonostante fosse stata costruita a regola d’arte e con pendenze modeste, la via non ebbe grande successo. Infatti essa superava il crinale appenninico ad un valico troppo elevato, spesso ingombro di neve. (lerottedelmerlo.it)

Il valico di Foce Giovo, 1664 m, si apre tra la catena appenninica del Giovo-Rondinaio e quella dell’Alpe Tre Potenze, così denominata dal fatto che segnava il confine fra tre antiche potenze, ovvero il granducato di Toscana ed i ducati di Lucca e Modena.

A Dogana Nuova, un paio di chilometri dopo Fiumalbo per chi proviene dalla pianura modenese, si svolta a destra sulla strada in salita che porta a Rotari (indicazioni per Tagliole). Al valico della Fiancata, 1358 m, presso una piccola cappella, si può lasciare l’auto ed iniziare l’escursione sulla strada ducale.

Strada ducale Lucca Modena

Strada ducale Lucca Modena

La strada forestale è evidente sulla sinistra nonostante sia sotto un metro circa di neve. Calziamo subito le racchette. Essa si snoda nel bosco rado che consente alla vista di spaziare comunque in direzione della sottostante valle di Tagliole, che conduce al Lago Santo modenese, e sul massiccio del monte Cimone, la più alta cima dell’appenino tosco-emiliano.

In poco meno di un’ora, con andatura molto tranquilla, si tocca quota 1510 m dove la strada ducale si biforca: a sinistra scende verso la località Case di Coppi in val di Luce ed a destra sale con pendenza modesta verso il valico di Foce Giovo.

Abbandonando la strada, procediamo diritto verso la cima ben visibile seguendo alcune tracce scialpinistiche. La salita si fa più impegnativa ma, man mano che si sale, il panorama diventa sempre più vasto.

Panorama dalla cima

Panorama dalla cima: dal monte Gomito a sinistra all’Alpe 3 Potenze, Femmina Morta, Rondinaio e Giovo 

Dalla cima, raggiunta in ore 1,45 dalla partenza, guardando verso sud alla nostra destra si presenta il crinale con la cima dell’Omo, il Giovo ed il Rondinaio; di fronte quello delle cime Femmina Morta, l’Alpe Tre Potenze ed il monte Gomito; a sinistra il passo dell’Abetone sovrastato dal solitario monte Cimone e dal crinale del Libro Aperto, cima Tauffi ed I Balzoni. In lontananza è possibile individuare il gruppo montuoso del Corno alle Scale.

In cima

In cima

Per il ritorno la carta escursionistica suggerisce il percorso sul sentiero 515 che, transitando sulla cresta occidentale del Balzo, riporta alla strada ducale. Naturalmente non ci sono tracce sul manto nevoso immacolato. La discesa tuttavia non presenta difficoltà: mantenendoci sul bordo della dorsale raggiungiamo senza problemi il tracciato della strada che seguiremo in falsopiano verso destra fino alla biforcazione abbandonata in salita.

Ritorno sulla strada ducale

Ritorno sulla strada ducale

Dal bivio appena raggiunto si ripercorre la strada ducale fino al valico de La Fiancata ed all’auto parcheggiata. (Ore 2,15 dalla vetta)

Profilo altimetrico

Profilo altimetrico

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: rosso in andata, verde al ritorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Details
Balzo delle Rose
?
Export
More Details

 

Libro degli ospiti

Se ti è piaciuto il mio sito mi farebbe grande piacere che tu firmassi il mio libro degli ospiti cliccando qui
.

Ti consiglio di visitare anche le seguenti pagine:

« »