Pizzocolo – cresta sud-est (prealpi bresciane)

Prealpi gardesane 

Data escursione: 19 Aprile 2022
Vetta: Monte Pizzocolo - 1.581 m
Organizzata: Privatamente
Difficoltà:
EE - Escursionisti Esperti

Ripetizione dell’escursione intrapresa nella primavera del 2012 transitando, in salita,  per località Sant’Urbano e Dosso delle Prade (https://www.lemiecime.it/monte-pizzocolo/)


Scarica traccia GPS

 

      1. Romance (Beethoven) - James Last version

Il monte Pizzocolo (Pisocol in dialetto bresciano – detto anche Gu)  è ubicato in provincia di Brescia, nel comune di Toscolano Maderno, in zona prospiciente le acque del lago di Garda.  Per le sue forme imponenti il Pizzocolo ispirò Giosuè Carducci, nei cui versi dedicati alla penisola di Sirmione così lo decanta:
… Baldo, paterno monte, protegge la bella da l’alto
co’l sopracciglio torbido:
il Gu sembra un titano per lei caduto in battaglia
supino e minaccevole …

Roccioso ed isolato, il Pizzocolo è meta di ricercate escursioni alcune delle quali, per la loro solatia esposizione, possono essere intraprese anche nella stagione primaverile. Costituisce un eccezionale balcone panoramico sul lago di Garda. Il panorama spazia dalle prealpi bresciane fino all’Adamello da un lato, sul Baldo e sulla pianura veronese dall’altra.
Per il ritorno sono possibili due varianti: una più diretta attraverso la valle delle Prera, percorsa in discesa anche nella precedente escursione del 2012, ed una più lunga, che passa dal Dosso le Prade e Sant’Onofrio, percorsa in salita in quel medesimo periodo.

Escursione al Pizzocolo by escursionismo360.blogspot.com

 

Escursione al Pizzocolo by (escursionismo360.blogspot.com)

 

Ho accarezzato l’idea di risalire il Pizzocolo per la cresta sud-est poco più di un mese fa allorchè mi sono portato sulle cime gardesane del Comer e Denervo. Secondo l’opinione di alcuni escursionisti incontrati sul Comer, e dal quale il Pizzocolo è ben visibile, la salita offre difficoltà modeste dal punto di vista dell’arrampicata, tanto da poter essere percorsa senza attrezzatura specifica se si ha sufficiente esperienza, ma presenta discontinui passaggi di 1° e 2° dove l’esposizione risulta però alleviata dalla costante presenza della vegetazione.

 

 

 

Dalla sponda occidentale del lago di Garda, immediatamente prima del ponte sul torrente Toscolano, si prende a sinistra la strada in salita (indicazioni per Maclino e Sanico).
A quota 700 m circa, in località Ortello, in uno slargo in piano della strada, si trova sulla destra il segnale indicatore del CAI (segnavia 287 per le creste sud e sud-est del Pizzocolo). Si parcheggia e si prosegue a piedi seguendo la forestale sterrata. Al termine della stradina si scende leggermente lungo il sentiero, si attraversa un ponticello per poi risalire brevemente sul lato opposto a fianco di una liscia placca calcarea attrezzata con spits. Percorrendo a mezzacosta le pendici meridionali del monte Pizzocolo si giunge ad un capanno con annessi tavoli e statua della Madonna, ospitata in una nicchia nella roccia. Poco oltre, attraversato il fondo dell’avvallamento della Prera, si seguono i cerchi rossi, dipinti sulle rocce, per la cresta sud-est.

Panorama da inizio cresta sud-est

Panorama da inizio cresta sud-est

La salita è divertente, i passaggi tecnici si susseguono con continuità (I° grado). Le difficoltà sono spesso contenute  ma in alcune occasioni occorre prestare particolare attenzione e muoversi con prudenza su placche inclinate e tratti di cresta esposta.

Cresta sud-est

Cresta sud-est

A metà cresta le difficoltà calano ed inizia un tratto camminabile molto ripido, dove si ricorre spesso all’ausilio delle mani, che rimonta la cresta lungo una labile traccia nella vegetazione. Giunti sotto una bastionata rocciosa verticale, che occorre risalire direttamente (II° grado), le difficoltà calano improvvisamente. Siamo ormai giunti nel punto in cui la cresta Sud-Est si congiunge con quella Sud, alla nostra sinistra, e la traccia unica risale, sempre in maniera ripida, le ultime decine di metri di dislivello che conducono al curioso faro eolico che precede la cima vera e propria. (Ore 4 dalla partenza)

Faro eolico presso la cima

Faro eolico presso la cima

Poco oltre il faro eolico s’incontrano una bandiera italo-europea mobile in metallo, una piccola croce in ferro ed un osservatorio che individua le cime principali circostanti . Poco sotto la cima, addossata alla cresta sommitale, si trovano una cappella votiva ed un piccolo rifugio di emergenza (bivacco Due Aceri). Ma ciò che rende la cima speciale e la fatica appagata è, oltre ogni ragionevole dubbio, il favoloso panorama sul sottostante lago di Garda.

In cima

In cima

 

Profilo altimetrico

Profilo altimetrico

 

 

Dalla cima si scende verso ovest in direzione del Dosso delle Prade, seguendo la mulattiera che corre poco sotto la pianeggiante cresta ovest del Pizzocolo, cosparsa di caratteristici prati solcati da rocce calcaree. Giunti nell’avvallamento tra il Pizzocolo ed il Dosso delle Prade si svolta nettamente a sinistra in discesa sul sentiero n. 211 che cala rapidamente verso malga Valle. Si scende in maniera ripida nel vallone della Prera fino a sbucare su una strada forestale, a tratti cementata e molto ripida, da percorrere in discesa, che riporta ad Ortello ed al parcheggio. (Ore 2 dalla cima)

 

 

 

 

 

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: rosso in andata, verde al ritorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Details
Pizzocolo cresta sud-est
?
Export
More Details

Libro degli ospiti

Se ti è piaciuto il mio sito mi farebbe grande piacere che tu firmassi il mio libro degli ospiti cliccando qui
.

Ti consiglio di visitare anche le seguenti pagine:

« »