Monte Piana

DOLOMITI DI SESTO
Monte Piana 2.324 m
(Misurina)
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
primavera 2014
Difficoltà:
Escursionisti EAI
Escursionisti ambiente innev.
      1. Lacrimosa (Requiem) - Mozart
 Durante la prima guerra mondiale il monte Piana fu teatro di uno scontro durato oltre due anni tra l’esercito italiano e quello austro-ungarico. Oggi è un vero e proprio museo all’aperto dove è possibile visitare il campo di battaglia situato in tutta la sua sommità. Questo è stato in parte sistemato grazie al lavoro degli Alpini e di alcune associazioni di volontari.(wikipedia.org)
Dalla strada militare del monte Piana, foto panoramica da quota 2055, verso sud sud-est; da sinistra Cima Occidentale (Tre Cime di Lavaredo), Cadini di Misurina, Antelao e Sorapis.

Il monte Piana è separato dai gruppi dolomitici circostanti da profondi solchi vallivi, con pareti ripide e rocciose. L’unico versante facilmente accessibile è quello rivolto a sud-est, anch’esso decisamente ripido ma raccordato al fondovalle dal Col de la Selva e da quello de le Saline.

Clicca per ingrandireLa sommità dell’acrocoro è occupata da un pianoro allungato verso nord , diviso in due settori ben distinti dalla Forcella dei Castrati. L’ambiente è scabro e carsico, completamente spoglio di vegetazione se si escludono i rari mughi. Il pianoro meridionale, più ampio di quello settentrionale (monte Piano), culmina in un cima poco marcata nei pressi della quale e situata la Capanna Carducci e, poco distante, la Piramide omonima, singolare monumento dedicato al poeta compositore dell’Ode al Cadore. (wikipedia.org)

 

Dalla strada militare del monte Piana, foto panoramica da quota 2136; da sinistra Scarperi, Cima Occidentale (Tre Cime Lavaredo), Croda Passaporto, Cadini di Misurina, Antelao, Sorapis e Cristallo.

Clicca per ingrandireDa Misurina si procede lungo la strada che conduce al rifugio Auronzo e si parcheggia nei pressi del rifugio Lago d’Antorno (1880 m). Con le ciaspole inzainate si percorre brevemente la strada asfaltata fino all’incrocio con il sentiero 122 (segnale) che sale a sinistra nel bosco in direzione di Forcella Bassa (1880 m). Prestare attenzione ai pochi segni bianco-rossi dipinti sugl’alberi. Clicca per ingrandireIl manto nevoso, ancora abbondante, è compatto e non richiede l’uso delle ciaspole, che non useremo per l’intera giornata.

Clicca per ingrandire

Alla forcella il sentiero si immette in una larga carrareccia; la seguiamo verso destra fino a Forcella Auta (o Alta, 1984 m) per poi raccordarsi con la vecchia strada militare che sale da Misurina verso il rifugio Maggiore Angelo Bosi (2205 m) ed alla chiesetta alpina eretta in ricordo dei soldati caduti su questa montagna. Clicca per ingrandire

Percorrendo un breve tratto del pianoro sommitale si raggiunge la cima vera e propria con la Capanna e Piramide Carducci (ore 2,30 dalla partenza). Poco distante ed in posizione leggermente più bassa, la grande croce in legno vigila dalla strapiombante parete sopra Carbonin.

Clicca per ingrandireDopo una lunga sosta per godere dello splendido panorama si ridiscende al rifugio Bosi ed alla Forcella Auta.

Si devia questa volta verso destra per percorrere completamente la vecchia strada militare che transita ardita nella parete sud-ovest del Col de le Saline fino ad incrociare la larga carrareccia percorsa all’andata, poco sotto Forcella Bassa. Clicca per ingrandire Una breve salita è richiesta per raggiungerla. Si riprende nuovamente il sentiero 122 che ci porterà al laghetto d’Antorno ed all’auto parcheggiata (ore 2 dalla vetta).

 

 

 

 

 

(Erri De Luca – Montagna, Storie. Salgo da Misurina al monte Piana dove per due anni austriaci e italiani fecero guerra senza riuscire a sopraffarsi. Non fu pareggio, ma reciproca decimazione. Salgo versanti arati dalle artiglierie, nessuna traccia degli squarci, i boschi hanno ricoperto i vinti. Qui nessuno vinse, tutti subirono sconfitta, ventenni senza seguito di età. Risalgo dopo un secolo i boschi di conifere. Scricchiolano gli scarponi sulla neve gelata, unico suono. Intorno orme di cervi e caprioli, in alto il sole illumina i pendii. Non metto ancora occhiali a protezione, non ce n’erano allora. Qui la guerra fu più intrusa che altrove, fu superflua e assurda più che in pianura. Salgo a zaino leggero, il freddo del primo mattino è un’ombra che non morde il corpo, i panni addosso lo tengono fuori. Non fu così per chi passò gli inverni nelle trincee sotto tiri di artiglieria e crolli di valanghe. Salgo per una gita all’aria aperta, ma nei pensieri c’è un pellegrinaggio. Quassù la vita è stata bestemmiata. Ora è solo bellezza e il privilegio di passarci sopra. Intorno vanno e vengono slitte a motori con passeggeri diretti al rifugio. Noleggiano slittini per tornale in discesa. Proseguo, arrivo: in cima il monte Piana è una distesa. Un ceppo sta a ricordo di vite non tornate indietro. C’erano trincee opposte, reticolati, tra il 1915 e il 1917 del più micidiale dei secoli. Una stesura bianca di sudario impone la sua segreta volontà di cancellare. Qui la montagna fa da cassazione, manda assolti i vinti, ignora i vincitori. Mi fermo poco per non raffreddare la macchina del corpo. Metto i passi in discesa su quelli lasciati dagli altri. Alla prossima neve sarà pure per noi come non fossimo stati.)

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: rosso in andata, verde al ritorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Laghetto Antorno : clicca per aprire la foto Strada militare : clicca per aprire la foto Chiesetta alpina : clicca per aprire la foto Piramide Carducci e Cima Occidentale : clicca per aprire la foto Croce nei pressi della cima : clicca per aprire la foto Salita al pianoro sommitale : clicca per aprire la foto

Mappa della cima:

Travelers' Map is loading...
If you see this after your page is loaded completely, leafletJS files are missing.

Libro degli ospiti

Se ti è piaciuto il mio sito mi farebbe grande piacere che tu firmassi il mio libro degli ospiti cliccando qui
.

Ti consiglio di visitare anche le seguenti pagine: