Gran Paradiso

GRUPPO GRAN PARADISO
Gran Paradiso
4.061 m
Organizzata dal Club Alpino Italiano Organizzata dal CAI
estate 1994
Difficoltà:
Escursionisti AG F
Alpinistica su ghiaccio, facile
La cima fu raggiunta per la prima volta il 4 settembre 1860 da J.J Cowell, W. Dundas, M. Payot e J. Tairraz. (Wikipedia)
      1. Montagnes Valdotaines - Coro Tre Pini

Clicca per ingrandire

Il Gran Paradiso è la più antica area protetta italiana, primo “Parco nazionale” che conta camosci, stambecchi, coppie di aquila reale, diversi avvistamenti di gipeto e lince, oltre ad ermellino e marmotta, lepre alpina ed arvicola delle nevi, pernice bianca, fagiano di monte e fringuello alpino. Il più grande giardino botanico delle alpi.

 Gran Paradiso: in cima : clicca per aprire la foto  Gran Paradiso: salita alla cima : clicca per aprire la foto

 

Di questo splendido massiccio sono rimaste impresse nella memoria alcune immagini particolari quali la spola del mulo che da Pont Valsavarenche saliva al rifugio V. Emanuele (2.775 m), costruzione in metallo a forma di mezza botte rovesciata, più di una volta al giorno per gli approvvigionamenti quotidiani essenziali e maggiormente deperibili; Clicca per ingrandirela presenza di un gruppo di stambecchi che accettava il fieno dalle nostre mani e la cima del Gran Paradiso, tanto piccola da non poter ospitare più di una mezza dozzina di persone per volta.

 

Clicca per ingrandire

 Gran Paradiso: vista su Ciarforon e Tresenta : clicca per aprire la foto  Gran Paradiso: avvicinamento alla cima : clicca per aprire la foto  Gran Paradiso: in vetta : clicca per aprire la foto

Pont Valsavarenche (1.960 m) costituisce la naturale base di partenza di questa interessante ascensione: dopo avere pernottato al rifugio Vittorio Emanuele, dedicato al re sabaudo che nel 1856 creò la riserva reale di caccia del Gran Paradiso e oggi Parco Nazionale, raggiungibile su comodo e battutissimo sentiero, si risale il versante ovest del “gigante solitario”, prima su pietraia e poi su ghiacciaio, fino a qualche metro sotto la Madonnina di vetta, per raggiungere la quale occorre superare un passaggio a strapiombo sul ghiacciaio della Tribolazione.

Percorso disegnato su mappa Google Earth: in rosso=primo giorno salita al rifugio; in arancio= secondo giorno salita alla cima e ritorno a Pont.

 

Mappa della cima:

Travelers' Map is loading...
If you see this after your page is loaded completely, leafletJS files are missing.

Libro degli ospiti

Se ti è piaciuto il mio sito mi farebbe grande piacere che tu firmassi il mio libro degli ospiti cliccando qui
.

Ti consiglio di visitare anche le seguenti pagine: