Sentiero attrezzato Sasse (lago Idro)

Prealpi bresciane 

Data escursione: 17 Aprile 2023
Vetta: Monte Calva - 569 m (quota raggiunta)
Organizzata: Privatamente
Difficoltà:
EEA - Escursionisti Esperti con Attrezzatura

 

      1. La contra` de l`acqua ciara - Coro Marmolada (VE)

 

Premessa: il lago d’Idro, o Eridio, di origine glaciale, è sito in provincia di Brescia ai confini con il Trentino. Posto a 368 metri sul livello del mare, è formato dalle acque del fiume Chiese che ne è anche l’emissario. La sua superficie è di 10,9 km², raggiunge una profondità massima di 122 metri ed una lunghezza di 11 km. (wikipedia)

Il sentiero attrezzato si sviluppa lungo la sponda orientale del lago e collega il molo di Vesta con quello di Baitoni, più a nord.

Percorso: ad anello in senso orario, con partenza dalla spiaggia di Vesta, villaggio turistico sulla sponda orientale del lago.

Avvicinamento: dall’ampio parcheggio presso il molo di Vesta si segue l’evidente sentiero oltre il molo passando davanti ad una bacheca descrittiva. Si transita nei pressi di una palestra di roccia, si supera il bivio dove si perverrà al ritorno e dopo circa 20′ dalla partenza si raggiunge la segnaletica dell’attacco del sentiero attrezzato presso il Dos de la Madunina.

In ferrata

In ferrata

Sentiero attrezzato: scendendo in direzione lago e percorrendo un esposto sentiero, in breve si raggiunge un salto verticale ben attrezzato, da scendere con l’ausilio di molte staffe. Nuovamente su sentiero, si perde ancora quota arrivando al tratto più suggestivo dell’intero percorso, ovvero la lunga cengia rocciosa che per circa 200 metri si sviluppa pressoché orizzontalmente a “pelo d’acqua”.

Cengia a pelo d'acqua

Cengia a pelo d’acqua

Poco oltre, tramite un caratteristico ponticello, si raggiunge la prima delle 3 uscite di emergenza presso le quali è possibile, in caso di necessità, essere recuperati dal soccorso. Si oltrepassa il ponte e si risale una placca rocciosa attrezzata con una serie di staffe uscendo nuovamente su sentiero boschivo. Da questo punto la morfologia del terreno non permette più la prosecuzione a “pelo d’acqua” ma si rimane qualche decina di metri più alti percorrendo praticamente un sentiero in un continuo lieve saliscendi. All’interno di questo “trasferimento boschivo” si trovano tuttavia alcuni passaggi che ne interrompono la monotonia, ossia alcuni brevi tratti rocciosi ben attrezzati oltre i quali sono presenti il secondo ed il terzo punto di uscita a lago per emergenza. Oltrepassando un canale di scarico piuttosto franoso ci si trova sulla strada forestale che proviene da Baitoni. (Ore 2,45 dalla partenza)

Ritorno: anzichè continuare in direzione nord verso la località Baitoni, spiaggia Camarelle, pochi metri più avanti si incontra la deviazione a destra per il ritorno sul sentiero dei Contrabbandieri che risale il ripido pendio del monte Calva portandosi ad una quota superiore rispetto al tracciato del sentiero attrezzato. Lungo tale sentiero si incontrano alcuni passaggi con cavo che funge prevalentemente da corrimano là dove l’esposizione è maggiore. Qui la visuale si apre maggiormente sul paesaggio circostante; un’incisione sulla roccia recante la data del 1753 ed un pannello esplicativo segnalano la presenza, in quel punto, del vecchio confine tra l’impero austro-ungarico e la repubblica veneta.

Punto panoramico

Punto panoramico

Il rientro al parcheggio di Vesta potrebbe essere effettuato anche attraverso il sentiero dei Tralicci che si sviluppa parallelo a quello dei Contrabbandieri ma ad una quota superiore, per poi ricongiungersi comunque a quest’ultimo. La percorrenza del sentiero dei Tralicci è sconsigliata da apposita tabella in quanto privo di manutenzione. (ore 1,45 dalla strada forestale)

 

Cosa ne pensi di questa pagina? Lascia il tuo commento:

Non è richiesta la registrazione, bastano pochi secondi!
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ti consiglio di visitare anche le seguenti pagine:

« »

Libro degli ospiti
Se ti è piaciuto il mio sito mi farebbe grande piacere che tu firmassi il mio libro degli ospiti cliccando qui.