Athos
 
PREALPI BRESCIANE
Corno del Bene 1.685 m
Monte Guglielmo 1.948 m
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
metà maggio 2018
Difficoltà:
Escursionisti Esperti Attrezzato EEA
Escurs. Esperti Attrezzato
Scarica traccia GPS in formato GPX, GDB e KMZ
   
"Monte Guglielmo" è una rozza italianizzazione dell'antico nome di questa montagna bresciana che tutti hanno sempre chiamato Golem, una voce dialettale per indicare una sommità, una colma, quasi a sottolinearne il profilo tondeggiante. Vicinanza alla città, facilità d'accesso e relativa sicurezza dei pendii sono alla base del successo del Guglielmo, che è una tra le più frequentate cime delle Alpi. (Montagne 360 - CAI)

Terza volta sul monte Guglielmo, dopo circa 44 anni dalle prime due precedenti escursioni portate a termine durante il periodo di servizio militare presso l'aeroporto militare di Ghedi (BS). Salito dalla val Vandul, sentiero 227 per la cima, con l'intermezzo della ferrata al Corno del Bene. Bosco degli gnomi

Dalla sponda orientale del lago d'Iseo, si sale al sovrastante paese di Zone, noto per la riserva naturale delle piramidi di terra, dove è possibile parcheggiare nei pressi della chiesa parrocchiale (quota 680 metri circa). La strada asfaltata, che supera le ultime abitazioni del paese, si trasforma in carrareccia acciottolata che, calcando il segnavia 227, risale la valle Vandul e poco dopo si biforca offrendo la possibilità di visitare verso destra il "bosco degli gnomi". Catapultati in un mondo irreale, da favola, saranno le numerose creature fantastiche, scolpite in trochi di alcuni alberi tagliati e nate dalla fantasia di Luigi Zatti, detto il "Rosso", ad alleviare la fatica che si accumula con l'aumentare della pendenza (Cristianriva.it).Pianoro

Oltre il "bosco degli gnomi" si prosegue a lungo sulla mulattiera di destra (ottime segnalazioni) che con piccoli tornanti si avvicina all'enorme costone roccioso del Corno del Bene dove, di recente, è stata attrezzato un percorso sulla ripida parete. Prestare attenzione alla piccola segnaletica della ferrata presso un ampio tornante della mulattiera. Lasciata la mulattiera si continua per sentiero, immerso nel bosco, fino ad un piccolo, piatto pianoro erboso dove è possibile indossare l'attrezzatura da ferrata poichè ormai prossimi all'attacco della stessa (poco più di due ore dalla partenza).

Panorama verso ovest dal pianoro presso il quale ha inizio il percorso attrezzato sul Corno del Bene.

Foto panoramica

Inizio ferrataConsiderata moderatamente difficile per la presenza di alcuni passaggi impegnativi e la costante esposizione particolarmente sostenuta, la ferrata offre l'alternanza di tratti verticali a brevi cengette che favorisce il recupero fisico e permette di apprezzare il lago d'Iseo da una parte ed i verdi pendii del Guglielmo dall'altra. Termina, dopo poco più di un'ora, nella parte sommitale e verdeggiante del Corno (1685 m).In cima al Corno del Bene

Ci attende ora l'ascesa alla panoramica vetta del monte Guglielmo ed al suo singolare monumento mentre più in basso, a sinistra, è visibile il rifugio Almici. Tracce di sentiero, fiancheggiato da un lungo recinto metallico, risalgono la dolce altura del Corno fino ad una piccola conca lacustre oltre la quale si continua su mulattiera per lasciarla, dopo breve tratto, nuovamente per il sentiero che risale la ripida altura dove è posto il rifugio (1861 m). Monumenti di cima La vetta del Guglielmo è ormai alla portata dei nostri piedi, con il monumento al Redentore e la statua dedicata a Papa Paolo VI. (Ore 4,30 dal parcheggio di Zone)

Giusto il tempo di un breve spuntino e di alcune foto ricordo e siamo investiti da un violento temporale con vento e grandine. Fortunatamente il monumento offre, alla sua base, un ricovero che ci fornirà riparo per oltre mezz'ora di tempo. Dal ricoveroLe condizioni meteo non miglioreranno più ed anche la visibilità resterà ridotta. Ad una lieve attenuazione della pioggia riprendiamo la discesa dalla vetta ripassando per il rifugio e continuando sulla mulattiera che ci farà transitare per malga Palmarusso di sotto (1596 m).

Profilo altimetrico

Considerate le pessime condizioni meteo, optiamo per la mulattierra ( segnavia 227) che, con ampi tornanti, riporta sulla medesima via di salita ed all'abitato di Zone, evitando in discesa il bosco degli gnomi. (Ore 2,30 dalla cima)Ritorno

 

 

 

 

 

(Tutte le foto non firmate sono attribuibili ad Alberto Zerbini)

 

 

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: rosso in andata, verde al ritorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Mappa Google

 

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy