Athos
 
GRUPPO MONTE ROSA
Castore 4.221 m
   
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
estate 2008
Difficoltà:
Alpinistica AG PD
Alpinistica su ghiaccio, poco difficile

Il Castore è uno dei numerosi 4000 del massiccio del Rosa, nelle Alpi Pennine. È posto sul confine tra la Valle d'Aosta ed il Vallese. Si trova lungo lo spartiacque che dal Breithorn conduce verso la Punta Dufour ed è separato dal Polluce, insieme al quale forma i cosidetti "Gemelli", dal passo di Verra (3861 m.). Fu raggiunto per la prima volta il 23 agosto del 1861 dalla guida alpina Michel Croz con F.W. Jacomb e con William Mathews. (wikipedia)

 

Clicca per ingrandire

Il Castore è il più alto delle due vette che vengono normalmente chiamate "i Gemelli"ed è uno dei 4000 più facili e classici dell'intero massiccio del Rosa. Clicca per ingrandireLa relativa facilità del percorso non deve però ingannare poichè la lunga cresta finale é pur sempre ad una quota considerevole e richiede molta attenzione.
Per la sua posizione centrale nel gruppo del Monte Rosa, il Castore è uno splendido punto di osservazione sulle più belle vette delle Alpi occidentali.

1° giorno: dal Colle Bettaforca (2.676 m) al rifugio Q. Sella (3.585m)

Clicca per ingrandireDalla località Stafal (1.823 m), in fondo alla valle di Gressoney dove lasciamo l'auto, si sale con un paio di impianti fino al Colle di Bettaforca. Dalla stazione a monte della seggiovia si prende il sentiero n. 9 che, per coste di sfasciumi, raggiunge Clicca per ingrandireil Passo Bettolina, a 2.896 metri di quota.

Superata la selletta, si continua in faticosa salita su tracce di sentiero con bolli gialli fino a rimontare la cresta rocciosa sovrastante, ancoraClicca per ingrandire immersi tra sfasciumi infiniti.

 

Clicca per ingrandireDa qui inizia un articolato percorso attrezzato che snodandosi sul filo di cresta porta alla spianata con il nuovo rifugio Quintino Sella, dove trascorriamo la notte. (ore 4 da Bettaforca).Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandireIl rifugio, accogliente ma spartano, è frequentato da numerosi escursionisti di diversi paesi europei; durante la cena, che si articola in due turni, consumiamo il pasto insieme con alpinisti svizzeri e spagnoli. Un buon bicchiere di vino e la stanchezza accumulata nel corso della giornata (siamo partiti da casa alle 4 del mattino) ci indirizzano presto alle brande assegnate per il riposo notturno, in attesa dell'ascensione del giorno dopo.Clicca per ingrandire

 

2° giorno: dal rifugio Q. Sella alla Punta Castore e ritorno al Colle Bettaforca

Clicca per ingrandireSveglia alle 4,30 del mattino e, dopo una veloce colazione, imbragati e con i ramponi calzati, su percorso generalmente tracciato ed alla luce delle pile frontali, si sale facilmente il ghiacciaio del Felik verso nord, appena dietro il rifugio.Clicca per ingrandire

Superata la Punta Perazzi (3.633 m), si piega leggermente verso nord-est e, salendo con moderazione in direzione della Punta di Felik (3.912 m), ci si porta alla base di un ripido pendio che si affronta faticosamente.Clicca per ingrandire Una volta giunti sul crestone nevoso che divide il ghiacciaio del Felik dal sottostante ghiacciaio del Lys, lo si segue verso sinistra fino alla depressione del Colle Felik (4.068 m).Clicca per ingrandire

Da qui, un breve tratto pianeggiante accompagna ad un secondo, ripido pendio nevoso che, risalitolo, prosegue in cresta nevosa molto esposta, Clicca per ingrandirecon alcuni saliscendi e facendo attenzione alle eventuali cornici che normalmente si protendono verso sud, fino a raggiungere la vetta del Castore.Clicca per ingrandire

Dalla vetta il panorama é da mozzafiato: subito sotto di noi, verso nord-ovest, è visibile il Polluce mentre più lontano si distinguono la catena del Breithorn, il Cervino ed il massiccio del Bianco. A sud, nella valle sottostante si intravede il rifugio Q. Sella e, in lontananza, il gruppo del Gran Paradiso mentre ad est gran parte dell'orizzonte è occupato dalla catena del Lyskamm  e della piramide Vincent. Clicca per ingrandire

Il percorso di rientro ricalca esattamente quello della salita. (ore 5,30 circa in totale, da rifugio a rifugio, più altre 3 ore per raggiungere in discesa il Colle Bettaforca)Clicca per ingrandire



 

Percorso disegnato su mappa Google Earth: primo giorno in arancio, dalla stazione a monte della funivia di Colle Bettaforca al rifugio Q. Sella; secondo giorno in rosso-arancio dal rifugio alla cima e ritorno a Stafal.

 

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
cima successiva
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy