Athos
 
APPENNINO BOLOGNESE
Piana del Rombicciaio 1.440 m
   
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
inverno 2006-2007
Difficoltà:
Escursionisti Esperti T
Turistica
   
 
I piccoli borghi ed i villaggi arroccati sui crinali o pendii soleggiati delle montagne sono solitamente abitati da uomini tenaci , forti ed operosi, depositari di tradizioni che stanno scomparendo. Le tracce di questa cultura si possono ritrovare lungo i sentieri, tra i casoni abbandonati e nella memoria storica dei pochi abitanti rimasti nell'alta valle del torrente Silla, oggi fortunatamente tutelata dall'istituzione del Parco regionale del Corno alle Scale.

Clicca per ingrandire

"Incomodissimo è il salirvi, giacchè così sconnesse sono le pendici del suo monte che, alzando gli occhi nell'andarvi, vedesi sempre sopra il naso il Castello ... Scarseggia questo luogo di acque nell'alto dei suoi monti e dell'abitato, rendendosi incomodo vieppiù lo averla per la ertissima disposizione delle sue pendici"  

Così descriveva Monteacuto delle Alpi l'abate Serafino Calindri, nell'anno 1781.

Monteacuto delle Alpi (915 m), ubicato in posizione strategica sulla destra idrografica della valle del torrente Silla, uno dei più elevati borghi dell'appennino emiliano, è il punto di partenza di questo magnifico itinerario che, per il tempo necessario a percorrerlo (circa 6 ore), il dislivello complessivo di salita (circa 900 m), l'alternanza di tracce di antiche mulattiere lastricate a sentieri che risalgono decisi ed esposti le dirupate pendici e la presenza di un discreto mantoClicca per ingrandire di neve fresca, può essere classificato per escursionisti ben allenati.

Clicca per ingrandireL'itinerario discende dapprima la selvaggia vallata del Fosso Baricello, ne percorre il versante sinistro fino al mulino della Squaglia (740 m), superato il quale passa nel versante destro, guadando il fosso,Clicca per ingrandire e raggiunge il santuario Clicca per ingrandiredella Madonna del Faggio (798 m), meta di pellegrinaggi. Dopo un lungo tratto in salita e diversi saliscendi, per l'attraversamento di numerosi ruscelli, tributari del Baricello, si raggiunge il pianoro erboso di Pian dello Stellaio (1.375 m).

Da questo importante nodo sentieristico locale, che collegava originariamente il bolognese al confinante territorio pistoiese mediante il passo di Porta Franca, si arriva rapidamente alla piana del Rombicciaio, il punto più elevato dell'itinerario, caratterizzato dalla presenza di un bel pascolo, dove sono abbondanti le tracce della presenza di cinghiali e daini, e di un faggio secolare nel cui tronco è ricavata una nicchia con effige della Madonna ed oggetti di culto ad essa collegati.

Clicca per ingrandireLa discesa procede verso il passo della Donna Morta (1.401 m) ed i ruderi dell'abitato di Caffa.Clicca per ingrandireClicca per ingrandire Proseguendo su sentieri più stretti, lungo il crinale di Monteacuto, e dopo aver superato diversi casoni per l'alpeggio del bestiame, da tempo in rovina, si rientra, poco prima del tramonto, Clicca per ingrandirea Monteacuto attraversando castagneti e pascoli ormai completamente abbandonati.

 

Clicca per ingrandire

(Estratto da: Escursioni nell'appennino bolognese di Renzo Rabacchi)

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy