Athos
 
DOLOMITI AMPEZZANE
Lastoi de Formin 2.657 m
   
Escursione organizzata privatamente

Organizzata privatamente
fine inverno 2015

Difficoltà:
Escursionisti EAI
Escursionisti ambiente innev.
Scarica traccia GPS in formato GPX, GDB e KMZ
Cima molto panoramica, frequentata anche d´inverno con gli sci o ciaspole. La salita della Val Formin si svolge fra bosco e grandi blocchi dolomitici in un ambiente caotico e suggestivo. Dalla cima, il panorama sulle dolomiti ampezzane ed agordine è giustamente rinomato.

I Lastoi de Formin, a strapiombo su Forcella Giau (2360 m), si estendono a cavallo dei comuni di Cortina e San Vito di Cadore con un caratteristico altopiano carsico le cui pendici affiancano la sinistra orografica della Val Formin.Cason de Formin

Oltre il tratto boschivoLastoi è il termine Ladino, italianizzato in Lastoni ed anche storpiato in Lastroni. Comunque sia, rende davvero bene la forma e le dimensioni di questo grandioso castello roccioso. Naturalmente, all'occhio attento, non sfugge l'interesse per gli aspetti geologici e per le particolari forme delle strutture di dolomia. Siamo nel cuore delle Dolomiti dove tutto ha un profilo inconfondibile per dettagli complessi e strani quali l'inspiegabile ed indecifrabile monte Cernera, per i neri pendii prativi del Mondeval (e dei non lontani monte Pore e Col di Lana), per quella fascia di rocce dalle forme monumentali sul sassoso pendio del Formin ed, ovviamente, per le differenze tra dolomia di scogliera e dolomia 'principale' stratificata. (magicoveneto.it)Verso forcella Formin

Forcella ForminSi parcheggia sul lato della strada che collega Pocol di Cortina al passo Giau, a quota 1515 metri circa, e si scende in breve verso il ponte in località Peziè de Parù (1506 m), su segnavia 434. In località Cason de Formin (1885 m), si devia a destra sul sentiero segnavia 435, che risale la Val Formin, dominata sulla sinistra dal massiccio della Croda da Lago. Dapprima nel bosco, il sentiero risale la valle con pendenza costante, fino ad incunearsi tra i Lastoi ed i contrafforti della Croda da Lado dove si fa più ripido, attraversando una zona di grandi massi. Infine il sentiero migliora, ma la pendenza non molla, fino all´ampia forcella Formin (2462 m) che tralasciamo di raggiungere per volgere ad occidente, su percorso libero, seguendo tracce di scialpinisti che ci hanno preceduto.

Presso la cimaOrmai siamo prossimi alla cima e la salita si fa più ripida e costringe a zigzagare tra facili gradinate rocciose sepolte sotto la neve. Attraversando l´ampio acrocoro sommitale senza grossi problemi di orientamento (in condizioni normali di visibilità) ci si porta sul culmine della dorsale fino alla vasta e pianeggiante cima con grande ometto di pietra.In cima
Eccoci dunque sulla cima del Formin, dopo circa 4 ore e mezza dalla partenza ed a quasi 2700 metri di altezza; lo sguardo spazia a 360 gradi senza ostacoli e senza confini. E' il momento della gioia più pura che ripaga ampiamente la fatica sopportata.

 

 

Panorama dalla cima del Formin verso nord-est: da sinistra: due Tofane, Cristallo, Antelao e Pelmo; in primo piano:Croda da lago e Becco di Mezzodì. (foto di Alberto Zerbini, compagno d'escursione)

Panorama dalla cima del Formin

 

Il ritorno segue la stessa traccia di salita, raggiungendo il parcheggio in ore 2 e trenta dalla cima.

Profilo altimetrico


(Tutte le foto non firmate sono attribuibili ad Alberto Zerbini, compagno d'escursione)

 

 

 

 

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: rosso in andata, verde al ritorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Percorso GPS Partenza Discesa nel vallone Discesa nel vallone Acrocoro sommitale Discesa dalla cima Verso la cima Salita nel vallone Salita nel vallone

 

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy