Athos
 

DOLOMITI - LASTEI DI PREDAZZO
Cima Juribrutto
2.697 m
Cima Bocche
2.745 m
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
inverno 2003
Difficoltà:
Escursionisti Esperti EE
Escursionisti Esperti
   

Clicca per ingrandire Cima Juribrutto: in vetta : clicca per aprire la foto  Cima Juribrutto: in cima : clicca per aprire la foto

Le due cime, situate nella parte settentrionale del parco naturale di Paneveggio e Pale di San Martino, sono state raggiunte in due giorni successivi, avendo come base di appoggio l'albergo rifugio al Passo Valles.

Da malga Vallazza (1935 m),  sulla strada che dal Valles porta verso Predazzo, il percorso completo per cima Juribrutto richiede circa 4 ore di tempo mentre quello per cima Bocche, partendo nei pressi della malga omonima (1946 m), è un pò più lungo ed impegnativo.

Clicca per ingrandire  Cima Juribrutto: in salita con le Pale sullo sfondo : clicca per aprire la foto  Cima Juribrutto: ritorno : clicca per aprire la foto Durante la Grande Guerra la zona fu un 'punto cardine' della difesa austriaca della Valle di San Pellegrino ed è stata teatro di cruenti combattimenti fra i soldati italiani della 'Brigata Tevere e Calabria' e quelli austro - ungarici.
Su Cima Juribrutto e su Cima Bocche si combattè ininterrottamente in estate ed inverno, dal maggio 1915 al novembre 1917. Il terribile 'campo di battaglia' è ancora oggi ben conservato e le caverne, le trincee ed i baraccamenti presentano ancora il loro aspetto originario.

"Dopo ottant'anni dalla fine della guerra i frantumi di ossa mal si distinguono dai sassi di dolomite e di calcare dei canaloni e delle pietraie assolate ove il verde non attecchisce. Frotte di turisti frettolosi e ignari fanno trekking nei pressi dei poveri residui di esseri umani o vi passano sopra veloci con gli sci, attutiti dallo strato di neve invernale.”
"Cima Bocche è un tipico esempio della testardaggine dei nostri comandi nell'ordinare assalti a posizioni imprendibili e con un obiettivo sproporzionato ai sacrifici, con totale disprezzo della vita umana, che trovò il suo apice nelle offensive dell'Isonzo e del Carso.
Clicca per ingrandire  Cima Bocche:  salita per il costone sud-est: clicca per aprire la foto Cima Bocche: costone sud-est : clicca per aprire la foto  Cima Bocche: in vetta : clicca per aprire la foto Ancora negli anni '20, nelle spianate e nei declivi intorno a Cima Bocche, giacevano insepolte numerose salme di soldati, soprattutto italiani. Oggi, tra le pietraie delle trincee e dei capisaldi smantellati dal cannone allora e dall'azione del tempo poi, ossa sbiancate si confondono con i ciottoli rocciosi.” (http://www.grandeguerra.com)

 

Percorso disegnato su mappa Google Earth: in rosso, andata e ritorno sulla stessa via.


Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy