Athos
 
DOLOMITI FRIULANE
Torrione Comici 2.260 m
(Gruppo Brica-Pramaggiore-Fantulina)  
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
novembre 2015
Difficoltà:
Escursionisti Esperti Attrezzato EEA
Escurs. Esperti Attrezzato
Scarica traccia GPS in formato GPX, GDB e KMZ
   

Tracciato ferrata Cassiopea by summitpostLa ferrata Cassiopea  si sviluppa sulla parete nord del Torrione Emilio Comici, nell'alta val di Suola (Forni di Sopra). Nata dall'idea della guida alpina fornese Mario Cedolin e del compagno di cordata Mauro Cergol, corre lungo una parete verticale e decisamente esposta. Si propone come una delle più impegnative della Carnia superando passaggi di IV+ che, senza la fune e pioli inseriti, impegnerebbe un esperto rocciatore (for-adventure.it)

La via ferrata porta sull'angusta cima di questa bellissima torre dolomitica altrimenti irraggiungibile ai normali escursionisti, seppure esperti!

Panorama verso nord-est dalla cima del Torrione Comici. Panorama dalla cima

Partenza dal parcheggio poco oltre il ponte sul Tagliamento, a Forni di Sopra (880 m circa). Una stradina asflatata, chiusa al traffico veicolare, risale dolcemente l'inizio della val di Suola fino al piccolo slargo di Palas (1025 m), dove arriva il sentiero 362 che sale anche da Andrazza, località del municipio di Forni di Sopra (UD). Il sentiero risale tranquillamente la valle sulla destra della fiumara fino a raggiungere il rifugio Flaiban-Pacherini, chiuso, a quota 1587 m, in circa due ore dal parcheggio.

In ferrataDa qui in avanti ci attende il tratto più faticoso del lungo avvicinamento, la salita alla forcella del Mus, sul sentiero 362, che affronta pietraie sempre più erte fino allo stretto intaglio della forcella, tra il Torrione Comici e la Punta del Mus. La forcella mette in comunicazione la lunga val di Suola, appena percorsa nella sua interezza con la val di Guerra (sud). In ferrata

In forcella (2060 m, ore 1,30 dal rifugio) si può già indossare l'attrezzatura per la ferrata e lasciare zaino e materiale superfluo. Si piega a sinistra per un ripido ghiaione mirando all’intaglio che separa il Torrione Comici dal vicino Torrione Pacherini.

Casina per libro di vettaSi parte subito con un traverso orizzontale con il cavo un pò lasco che permette di superare esternamente un passaggio piuttosto basso. Poco oltre la salita prosegue in maniera verticale affrontando il tratto più impegnativo ma ben appigliato. Un'ora dopo aver lasciato la forcella ci ritroviamo sulla piccolissima cima con casetta in legno per il libro di vetta.In vetta

In ferrata

Il panorama offerto dalla cima è vasto ed insolito per la fortunata combinazione di un cielo particolarmente terso e la presenza di un tappeto compatto di nuvole che stazionava sui 1.300 metri, sul quale sembravano poggiare le maggiori cime dell'orizzonte nord-orientale.In ferrata

Il ritorno offre un percorso alternativo, sempre attrezzato, fin quasi all'inizio della ferrata, dove ritorna comune a quello della salita. Dopo aver recuperato in forcella il materiale temporaneamente riposto, si riprende la via del ritorno sul medesimo tracciato dell'andata fino al parcheggio di Forni (ore 3 circa dalla cima)

Profilo altimetrico

 

(Tutte le foto non firmate sono attribuibili ad Alberto Zerbini, compagno d'escursione)

 

 

 

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: rosso in andata, verde al ritorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Mappa Google

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy