Athos
 
DOLOMITI DI ZOLDO
Tamer Grande 2.547 m
   
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
novembre 2017
Difficoltà:
Alpinistica EE AR PD II-
Escursionisti Esperti, Alpinistica su roccia, poco difficile - secondo grado meno
Scarica traccia GPS in formato GPX, GDB e KMZ

Montagne contenute ed eleganti disegnano l’Agordino prolungando la linea di crode anche oltre il Passo Duran. Le quote non sono elevatissime ma il contesto e le forme grintose raccolte attorno al Van de Càleda, raccolgono i consensi di un numero sempre maggiore di appassionati. Le vie di salita rimangono però ostiche, il pietrame instabile e gli appoggi stessi colmi di sfasciume. Pertanto le reali difficoltà di salita appaiono maggiori di quanto non siano. Soprattutto gli ultimi metri al Tàmer Grande sono pane per escursionisti caparbi e tenaci, dove conta più la delicatezza del movimento che la tecnica di arrampicata. (dolomitifacili.it)

Anno 2014

Ritorno sul Tamer Grande dopo aver tentato, senza fortuna, di raggiungerne la cima nel luglio del 2014 (www.lemiecime.it/cime/dolomiti_tamer.htm). Contro ogni attesa e previsione, fui costretto alla rinuncia in prossimità della vetta (2493 m), di fronte ad una parete fessurata di alcuni metri, da superare con passaggi di II°, quasi completamente occupata da uno spesso nevaio che costringeva a strisciare nello stretto passaggio tra la parete verticale ed il nevaio stesso.Anno 2014

Come nel 2014, la nosta escursione inizia al passo Duran (1601 m). Il sentiero 524 risale in maniera costante i boschi sotto i contrafforti del San Sebastiano fino a raggiungere la base del Sasso di Caleda che rappresenta la propaggine più meridionale del gruppo stesso. Dopo un breve passaggio attrezzato, il sentiero 524 incrocia quello che proviene da malga Caleda vecchia, situata nei pressi della strada che sale al passo Duran da Valle Agordina.

Van de CaledaSi prosegue risalendo il Van di Caleda e si continua a salire verso destra fino ad individuare forcella La Porta, un varco tra la cresta sud del San Sebastiano ed il Tamer. Si avanza per il ghiaione lasciando sulla sinistra la traccia che sale al San Sebastiano e si guadagna la forcella (2326 m) dove inizia la via normale al Tamer Grande, segnata con vernice rossa, che percorre interamente la bellissima Banca del Tàmer, un cengione obliquo che taglia a metà altezza la parete ovest del Tamer Piccolo.

Il passaggio sfrutta una cengia naturale arrotondata, ghiaiosa e molto esposta. Per tracce su ghiaie e sfasciumi, ove sono visibili i bolli rossi del sentiero, si supera qualche breve salto tra grossi massi per poi ritrovare la traccia segnata. Superato uno sperone roccioso si entra in un canale che va risalito fino all’intaglio tra Tamer Grande e Tamer Piccolo, libero da quel nevaio che ci bloccò la via nell'estate del 2014, da superare con passaggi di II° grado, non attrezzati se non con uno spezzone di cordino che, secondo la mia opinione, sarebbe meglio non utilizzare. Si affronta poi un breve colatoio ed una paretina con buoni appigli (I° grado). In cimaOrmai la meta è molto vicina. Si superano con attenzione alcuni risalti ghiaiosi ed un ultimo breve strappo prima di raggiungere la placca inclinata della doppia cima, la prima con ometto e la seconda, molto vicina, con libro di vetta. (Ore 3,15 dal passo Duran)

La vetta, molto panoramica, offre una splendida vista sulle vicine Dolomiti e sui gruppi montuosi più lontani.

 

Dalla vetta, panorama verso nord. Da sinistra in primo piano San Sebastiano nord con il Civetta alle spalle; al centro il Piccolo Tamer con il Pelmo alle spalle; a destra in secondo piano l'Antelao.

Panoramica dalla vetta

Profilo altimetrico

(Tutte le foto non firmate sono attribuibili ad Alberto Zerbini, compagno d'escursione)

 

La discesa segue le stesse tracce di salita con scarse possibilità di ancoraggio per una eventuale corda doppia, almeno per la parte più impegnativa affrontata in salita. Si richiede quindi di "arrampicare in discesa", con molta attenzione fino alla Banca del Tamer. Oltre, il percorso si presenta più tranquillo fino all'arrivo in forcella. Ritorno

 

 

Mantenendoci leggermente più a destra rispetto al percorso coperto in salita, ci portiamo alla base della cresta sud del San Sebastiano in corrispondenza del bivio (segnalato con frecce e Madonnina) tra il Tamer ed in San Sebastiano nord. (ore 1,30 dalla vetta)

 

Il rientro al passo Duran, sulla medesima via di salita, richiederà ulteriori 75 minuti. (in totale ore 2,45 dalla vetta)

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: rosso in andata, verde al ritorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Mappa Google

 

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
cima successiva
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy