Athos
 
CIMA D'ASTA-LAGORAI
Cima delle Stellune 2.605 m
Cimon Busa della Neve 2.441 m
Escursione organizzata privatamente

Organizzata privatamente
primavera 2015

Difficoltà:
Escursionisti Esperti EE
Escursionisti Esperti
Traccia GPS
Scarica traccia GPS in formato GPX, GDB e KMZ
 
Un ambiente naturale selvaggio, vario e ricco di scorci suggestivi, con torrenti, boschi, laghi e forcelle, nonchè tracce evidenti che ricordano il conflitto della prima guerra mondiale. Si tratta della catena dei Lagorai che divide la Valsugana dalla valle di Fiemme.

Da località Ponte Conseria , in fondo alla val Campelle dove si parcheggia l'auto (1468 m), si attraversa il torrente e si segue la forestale, asfaltata per un breve tratto, fino al bivio a sinistra, appena a monte di un tornante, dove il sentiero 317 porta nella val Sorda. Inizio della Val SordaIl sentiero affianca il torrente sulla destra, poi lo attraversa al ponte Quarelo (1660 m) dove il percorso comincia a risalire il lato sinistro della valle, prima con rapidi tornanti, poi in traversata verso nord fino a sbucare sui pascoli della malga Val Sorda II (1901 m). La vista si apre sul paesaggio circostante: cima d'Asta, la punta del Cengello e l’ampia insellatura di passo Val Cion con il vicino Colle di San Giovanni.Forcella  di Valsorda

Il sentiero oltrepassa la malga e riprende a sinistra poco più in alto traversando in costa il ripido fianco della montagna. Si sale, sempre verso nord, in direzione di forcella di Valsorda incontrando dapprima l'incrocio con il sentiero 318 che proviene dal passo Val Cion e quindi i laghetti delle Buse Basse (2170 m circa) dai quali ora si riconoscono sia la forcella che la cima delle Stellune. Presso la forcella di Valsorda (2256 m), sono ancora visibili i segni della Grande Guerra con fortificazioni, trincee ben conservate, e nei dintorni, massicciate, mulattiere e ricoveri in pietra. Passaggio tra le due forcelle

Raggiunta la forcella, che divide il Montalon da cima delle Stellune, si piega leggermente a destra, sempre sul sentiero 317 che attraversa quasi in piano tutto il versante occidentale della nostra cima e conduce alla forcella di Val Moena.Passaggio tra le due forcelle

"Il percorso fra le due forcelle è un'accozzaglia disordinata di grandi massi. E come potrebbe essere diversamente considerando la grande frana che, in tempi più o meno remoti, deve averla generata frantumando la parete sud-occidentale della cima, da cui origina. I massi, di forma e dimensioni diverse e di colore rosso cupo, sono fra loro, a volte, ben consolidati ed altre in bilico per cui il piede deve poggiare con attenzione e farsi soccorrere, se necessario, dalla mano. Di tanto in tanto lasciano intravedere qualche masso ben sistemato con paziente e faticoso lavoro di uomini in armi, per facilitarne il transito."

Salita alla cimaSi traversa l’impervia pietraia seguendo le tracce della vecchia strada militare e si raggiunge forcella di Val Moena (2294 m). In questo tratto è visibile il lago delle Stellune, duecento metri più in basso. Oltrepassata la forcella si percorre verso nord-est il tratto iniziale del sentiero 321 (alpinistico) intitolato, nel tratto da forcella Val Moena fino a passo Sadole, a Don Martino Delugan, sacerdote-guida alpina di Tesero appassionato di montagna, scomparso nel 1997. In cima allo StelluneDopo pochi metri si seguono verso destra le evidenti tracce del sentiero militare di arroccamento, in gran parte ancora gradinato a pala e piccone, che portano sulla cima. All'inizio, questo sentiero si articola su un pendio roccioso piuttosto ripido e presenta alcuni tratti molto esposti.

 

Panorama verso nord-ovest. Da sinistra Valle delle Stue e Val Moena, valli secondarie della Catena dei Lagorai. Foto panoramica di Alberto Zerbini, compagno d'escursione.

Foto panoramica

Superata la ripida spalla il sentiero “spiana” su una surreale pietraia sotto la cima, che prelude allo strappo finale, col sentiero, ancora a zig zag, visibile sotto l'ultima neve invernale, che risale facile gli ultimi sfasciumi. Superando infine un ultimo tratto più ripido ma ben gradinato si perviene in vetta (ore 5 circa da ponte Conseria). La vetta è una breve dorsale pianeggiante sormontata da una grande croce con tiranti d’acciaio, poco più in basso ci sono dei comodi poggi erbosi che sono l’ideale per fermarsi ed ammirare lo sconfinato panorama. Lo sguardo si perde su un mare di cime a 360°: da nord-est il Latemar, Il Gruppo del Catinaccio, Sassolungo e Sella, la Marmolada e le Pale di S. Martino, di fronte a est la mole di Cima D’Asta, ancora imbiancata, e verso sud le creste fantastiche del Gruppo di Rava. Da sud-ovest a nord-est la lunga serie di cime selvagge che forma la grande Catena del Lagorai. (Riferimenti in corsivo a girovagandointrentino)

Panorama verso nord-est. Da sinistra, in primo piano, Cima di Lagorai (2.585 m), più lontano Cima d'Asta (2.847 m) ed il Gruppo di Rava. Foto panoramica di Alberto Zerbini.

Foto panoramica

Sul Cimon di Busa della NeveIl rientro tocca dapprima una cima secondaria del gruppo, il Cimon di Busa della Neve con ometto di sassi e piccola croce; si rientra quindi sulla medesima traccia di salita, almeno fino all'innesto col sentiero 321 che seguiamo per un breve tratto nel tentativo di percorrerlo in direzione della forcella Busa della Neve. Esso corre a ridosso delle rocce strapiombanti del versante nord di Cima delle Stellune su costoni molto ripidi ed esposti, ancora abbondantemente sotto la neve. DiscesaRitorniamo quindi sui nostri passi verso forcella di Val Moena continuando, a ritroso, sul percorso di salita fino a Ponte Conseria (ore 3,30 dalla cima).

 

(Tutte le foto non firmate sono attribuibili ad Alberto Zerbini, compagno d'escursione)

Profilo altimetrico

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: rosso in andata, verde al ritorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Mappa Google Ponte Conseria Ponte Quarelo Malga Val Sorda II Lago di Buse Basse Lago Stellune Sentiero Delugan Inizio sentiero alpinistico Forcella di Val Moena

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy