Athos
 
DOLOMITI DI ZOLDO
Sassolungo di Cibiana 2.413 m
(Forcella Cibiana)  
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
estate 2009
Difficoltà:
Alpinistica EE AR PD II
Escursionisti Esperti, Alpinistica su roccia, poco difficile, secondo grado
Percorso alpinistico di soddisfazione in ambiente originario con molti passaggi su roccia e cengette con detriti. Richiede capacità di orientamento, piede fermo ed esperienza su percorsi rocciosi. Segnavia rossi utili per la salita ma pressochè inutili nella fase di discesa, poichè poco visibili. Sconsigliato per non esperti; poco utile una corda per mancanza di ancoraggi. Pericolo di caduta sassi. (Vienormali.it)

A Cibiana non si arriva per caso. 

Clicca per ingrandireI suoi due borghi, Pianezze e Masariè sono rimasti in disparte dal gran movimento turistico che ha aminato il Cadore ma lo sfruttamento del legname ad opera della Repubblica Serenissima e le miniere di ferro di Vallinferna rappresentarono un polo di attrazzione ed aggregazione economico e sociale ben rilevante nel passato. Clicca per ingrandirePoi, molti se ne andarono favorendo il fenomeno dell'emigrazione che accomuna tutte le terre povere fino a che, con una inconsapevole operazione psicanalitica, il paese ha cominciato a dipingere la propria storia, aprendo agli altri la propria anima. (www.dormiedisna.it)

 

Clicca per ingrandireSovrastano l'abitato di Cibiana il Monte Rite ed il Sassolungo di Cibiana, separati dall'omonina forcella. Si può risalire il primo in maniera abbastanza semplice, per itinetrari diversi e tutti facilmente percorribili per assicurarsi un panorama grandioso dalla sua vasta cima. Di gran lunga assai meno frequentato il secondo per le difficoltà oggettive che rendono l'approccio poco agevole. Clicca per ingrandire

Stupendo cono roccioso che ricorda un dente di squalo nella suo versante settentrionale, giustifica la sua denominazione originaria, sassolungo, nel versante ovest dove inizia la via normale alla vetta.

Clicca per ingrandireDal parcheggio di Forcella Cibiana ( 1530 m), nei pressi di una cappelletta votiva, si segue dapprima una stradina bianca e successivamente il sentiero 483 che risale il bosco ed ancora, in costante salita, tutto il ghiaione sul versante nord degli Sfornoi fino alla Forcella Bella (2112 m)Clicca per ingrandire . Da qui si scende nel versante sud per un centinaio di metri fino ad imboccare a sinistra una traccia (piccolo larice ed ometto) che porta alla Forcella Ovest, dove inizia la via normale vera e propria, facilmente individuabile dai segni rossi.

 

Clicca per ingrandireSi salgono facili saltini di roccia fino a raggiungere una cengia che si segue verso sinistra portandosi così sullo spigolo nord-ovest per lasciarlo nuovamente e riprendere la salita verso destra nel canale principaleClicca per ingrandire con camino che rappresenta la parte più impegnativa della via. Clicca per ingrandire

 

 

Ancora per ghiaie, canaletti e gradoni si guadagna la fine del canale principale per raggiungere le ghiaie sommitali che in breve portano alla croce di vetta. Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire  

(Circa 4 ore dal parcheggio)

Per il ritorno i tempi si mantengono praticamente immutati almeno fino alla forcella Ovest, per la necessaria attenzione nell'attraversamento delle cengie ghiaiose e per ricerca dei segni rossi, non facilmente visibili dall'alto. Il rientro al parcheggio richiede circa tre ore.

 

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy