Athos
 
PALE di SAN LUCANO
Prima Pala 2.221 m
Le Cime
2.296 m
Monte San Lucano
2.409 m
   
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
estate 2013
Difficoltà:
Escursionisti Esperti EE
Escursionisti Esperti
   

...diventerò un sogno di musica nell'armonia rude delle rocce ed amerò con voi queste cime fino all'alba perchè non esiste notte tanto grande da non permettere al sole di risorgere...

(Michel Payot, membro della Compagnia delle Guide di Chamonix)

"Ad inizio escursione mi sono lasciato andare ad alcune riflessioni: poco preoccupato dall'impegno della salita, per la quale ero preparato, e del caldo opprimente, che mi lasciavo alle spalle, lo ero di più per l'eventualità di trovare il bivacco Bedin affollato e trascorrere una notte insonne, esperienza provata altre volte. Clicca per ingrandireNeppure le previsioni del tempo, tutto sommato accettabili, mi preoccupavano eccessivamente, per quanto attendibili possano considerarsi previsioni accettabili. Il timore più forte era dettato dalla possibilità di mancare gli obiettivi proposti a causa della somma di tutte le preoccupazioni. La montagna non basta mai e quando basta lo fa per poco giacchè l'entusiasmo per una nuova escursione ripaga sempre la fatica e disagi di quella appena portata a termine"Clicca per ingrandire

"La vita è fatta di rarissimi momenti di grande intensità e di innumerevoli intervalli. La maggior parte degli uomini però, non conoscendo i momenti magici, finisce col vivere solo gli intervalli"
Friedrich Nietzsche

7 agosto 2013

Si parte da Pradimezzo (873 m) piccolo borgo nel territorio di Cencenighe agordino dove la strada principale si trasforma in sentiero, il n. 764, che sale ombroso e con buona pendenza. Dopo l'attraversamento di una zona franosa e di un ponticello di legno (sorgente) si raggiunge una piccola radura con felci giganti dove è situata malga Torcol (1382 m) ed oltre, la grande spianata a pascolo di malga d'Ambrosogn (1700 m). Clicca per ingrandireSi segue ora il sentiero 765, più impegnativo ed accidentato, che abbandona gli ultimi alberi e transita alla base dei contrafforti rocciosi delle Cime d'Ambrosogn fino alla forcella Besausega (2131 m), delizioso balconcino erboso tra le Cime d'Ambrosogn e l'anticima del monte San Lucano, l'el Mul.

Clicca per ingrandireQui ha termine l'impegnativa salita: la visione del Boral della Besausega, gola profondissima, é impressionante. Si continua verso sinistra per l'evidente sentierino che contorna "Le Cime" su stretta cengia erbosa e molto esposta fino a raggiungere la vasta e stupenda spianata prativa e ricca di fiori della Prima Pala, apparentemente pianeggiante, dove una statua in bronzo del Redentore è collocata su un modesto promontorio a poca distanza dal bivacco Bedin, proprietà del Gruppo Alpinistico Vicentino, a 2210 m.s.m (ore 5 comode dal parcheggio).

Clicca per ingrandireA differenza dei bivacchi tradizionali, situati normalmente in luoghi di transito su alte vie, il Bedin alla Prima Pala può essere considerato uno straordinario punto di arrivo. E' consigliabile, come abbiamo fatto noi, pernottarvi per godere della sua confortevole accoglienza, della magica posizione e del magnifico panorama che lo circonda.Clicca per ingrandire

Prima del tramonto si sale la vetta Le Cime, curiosa denominazione dettata forse da carenza di fantasia, veloce digressione ad un punto panoramico ancora più fantastico. Si sale per prati in modo libero puntando alla vetta, prima della quale vi è un piccolo passaggio di I° grado che si supera senza problemi.

Clicca per ingrandireIl timore di trovare il bivacco affollato è presto fugato; tutto lo spazio a disposizione, ridotto per la verità ma pulito e confortevole, è a nostra completa disposizione fin verso le ore 20,30 quando, al calar delle tenebre, lo dividiamo con una giovane coppia di escursionisti vicentini.Clicca per ingrandire

8 agosto 2013

Clicca per ingrandireL'indomani, di buon'ora, lasciamo il bivacco e ritorniamo alla forcella Besausega per tentare la salita al monte San Lucano. Poco più in basso della forcella, senza indicazioni evidenti, si affrontano alcune roccette con passaggi di I° grado e poi per prati superiori ci si innalza a sinistra (alcuni ometti per la verità evidenti soltanto dall'alto) verso una cengia, erbosa e molto esposta, che percorre la base sud est del contrafforte roccioso (denominato el Mul) che precede la vetta. Raggiunto un piccolo passo si sale a vista verso la vetta del monte San Lucano, ancora una volta tra meravigliosi prati fioriti (ore 2 dal bivacco).Clicca per ingrandire

Il ritorno alla forcella Basausega ed a Pradimezzo segue il medesimo tracciato di salita impiegando ancora 4 ore dal monte San Lucano.

 

 

 

 

 

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: in rosso primo giorno salita alla Prima Pala e Le Cime, in verde secondo giorno salita al San Lucano e ritorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Ponticello sospeso : clicca per aprire la foto Malga Torcol : clicca per aprire la foto El grillo � buon cantore e... : clicca per aprire la foto Malga Ambrosogn : clicca per aprire la foto Forcella Besausega : clicca per aprire la foto Panorama da Le Cime : clicca per aprire la foto Cena al bivacco : clicca per aprire la foto Agner dalla Prima Pala : clicca per aprire la foto El Mul : clicca per aprire la foto

 

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy