Athos
 
CATENA CARNICA
Monte Coglians
2.780 m
Escursione organizzata privatamente
Organizzata privatamente
estate 1994
Difficoltà:
Escursionisti Esperti Attrezzato EEA
Escurs. Esperti Attrezzato

Clicca per ingrandire

La prima ascensione si deve (30 settembre 1865) al noto alpinista austriaco Paul Grohmann per la via che costituisce l'attuale normale italiana. Il Monte Coglians (Coliàns in friulano, Hohe Warte in tedesco) è la vetta più alta del Friuli-Venezia Giulia e delle Alpi Carniche.

Clicca per ingrandire
È situato a ovest del passo di Monte Croce Carnico (Plöckenpass), al confine tra l'Italia e l'Austria: il versante meridionale appartiene al comune di Forni Avoltri e quello settentrionale al comune di Lesachtal, nella Carinzia germanofona. E' raggiungibile attraverso due vie: per la via normale, che parte dal Rifugio Giovanni e Olinto Marinelli (2111 m), versante sud, o per la via ferrata del versante nord, assai più impegnativa (wikipedia.org).

La poderosa parete nord sovrasta il Valentin Törl, nei cui pressi inizia la ferrata austriaca, quella da noi scelta per la salita, che propone tratti non attrezzati con difficoltà di II grado. Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandireIl panorama che si ammira dalla vetta è tra i più vasti e grandiosi delle Alpi orientali. Verso sud nelle giornate più limpide la vista può spaziare su tutta la pianura friulana fino all'Adriatico. In cima statua della Madonna, libro di vetta ed una campana, i cui rintocchi hanno segnalato al gestore del rifugio Lambertenghi–Romanin l’esito dell’ascensione.

La discesa avviene lungo la via normale sul versante sud; segue poi il sentiero Spinotti che, in parte attrezzato, si raccorda col sentiero percorso in salita il giorno prima per raggiungere il Lambertenghi-Romanin.Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandirePernottamento presso il rifugio, dedicato ai Tenenti Lambertenghi e Romanin, caduti nel giugno 1915 nell'azione per la conquista del Passo Volaia, è collocato in posizione dominante (1977 m) nei pressi del passo omonimo, al confine con l'Austria. A breve distanza, in una zona ricca di fossili, si trova l'azzurro laghetto alpino di Volaia, fra le pareti svettanti del Cogliàns e del Capolago.

Il rifugio è raggiungibile a piedi in circa due ore, dopo aver parcheggiato nei pressi del rifugio Tolazzi, poco oltre la località Collina (1350 m).

Percorso tracciato su mappa Google Earth: in rosso salita al rifugio e ritorno, in giallo salita alla cima, in verde-rosso ritorno al rifugio ed al parcheggio.



Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy