Athos
 
ALPI APUANE
Foce del Fanaletto 1.426 m
Foce di Giovo
1.498 m
Foce di Cardeto
1.680 m
Passo della Focolaccia    1.642 m
Organizzata dal Club Alpino Italiano
Organizzata dal CAI
fine estate 2014
Difficoltà:
Escursionisti Esperti EE
Escursionisti Esperti
Scarica traccia GPS in formato GPX, GDB e KMZ
In territorio toscano, le Alpi Apuane formano una catena lunga circa 60 km in direzione NO- SE e larga circa 30. A ridosso del Tirreno e separate dagli Appennini da valli fluviali esse costituiscono un gruppo montuoso a se stante e differiscono dagli Appennini stessi anche dal punto di vista geologico. Di origine sedimentarie come quelli, esse sono state in tempi successivi parzialmente ricristalizzate a causa delle forti pressioni durante la fase di corrugamento e sollevamento sottomarino. ( Da: Le Alpi di Toscana - Francesco Greco)

Clicca per ingrandire

Primo giorno:

Partendo da Carrara si segue la strada per Campo Cecina dove, a quota 1230 metri circa, il pullman può parcheggiare a breve distanza dal rifugio Carrara (1320 m). Affacciandosi alla balconata che delimita il parcheggio, notevole è la vista sulla vallata sottostante, tutta bianca per la innumerevoli marmifere, che noi apprezzero solo per pochi istanti a causa della densa foschia che sale veloce dalla costa tirrenica. Clicca per ingrandireProcedendo per poco più di un chilometro su strada asfaltata si raggiunge Foce di Pianza (1289 m), una vasta area tutta bianca coperta di detriti, massi di marmo e polvere bianca.

Clicca per ingrandireTramite il sentiero 173, che aggira le ripide pendici occidentali del monte Sagro alternando tratti rocciosi ad erbosi (alcuni passaggi attrezzati con funi fisse per la notevole esposizione su sentiero molto stretto), si perviene alla Foce del Fanaletto dove si scollina transitando sul lato settentrionale del Sagro. Il percorso in questo versante procede dapprima in leggera discesa per poi mantenere una quota pressochè costante (intorno ai 1300 m circa, attraverso bellissimi boschi a faggio) fino al rifugio-capanna Garnerone (1260 m, in ristrutturazione).Clicca per ingrandire Oltre la capanna si prende il sentiero 37 che porta alla Foce di Giovo, un'ampia sella erbosa che mette in comunicazione le valli Orto di Donna e Vinca, alla base del Pizzo d'Uccello, una delle cime più rocciose e spoglie delle Apuane.

Clicca per ingrandireAlla Foce di Giovo si scavalca la cresta Garnerone e ci si affaccia sulla valle detta "Orto di Donna". Il sentiero 179 transita sotto le pendici orientali del monte Grondilice, sovrasta la "Cava 27" e raggiunge infine il rifugio Orto di Donna (1496 m), nella cornice del Grondilice stesso, del monte Contrario e del Pisanino, il più alto delle Apuane. Clicca per ingrandireIl rifugio ci ospiterà per la notte. (Ore 7,00 circa dal parcheggio).

 

Secondo giorno:

Clicca per ingrandireL'indomani mattina, dopo la colazione in rifugio, si riprende il sentiero 179 che transita per la Foce di Cardeto e procede in direzione del Passo della Focolaccia, letteralmente devastato dalla strada e dalle numerose cave di marmo, conservando comunque un fascino particolare. Nei pressi del passo sorge il bivacco Aronte (1620 m), il più alto rifugio delle Apuane. Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandireDal bivacco si procede in discesa lungo la strada di cava per imboccare il sentiero 166 che segue, sempre in discesa, una vecchia, ripida e pietrosa "via di lizza" con belle vedute su un ambiente molto selvaggio, su valli strette e profonde e sul lontano borgo di Resceto.Clicca per ingrandire

Lungo la via di lizza sono visibili i pali in legno, infissi nel marmo, su cui si avvolgevano le corde per sostenere e guidare la discesa dei blocchi lungo la lizza stessa.

Come il navigante che, dalla tolda della nave, con rinnovato vigore grida "terra!" così l'escursionista, con discrezione grida "mare!" dall'erta via di lizza. Beh, proprio mare non era bensì una lontana, piccola porzione di costa tirrenica.

Clicca per ingrandireLa discesa è lunga e faticosa poichè "la lizza" è erta e piena di sassi smossi; essa diviene infine più agevole e regolare in prossimità dell'incrocio con la più famosa Via Vandelli che scende, ottimamente ristrutturata, dal Passo della Tambura.Clicca per ingrandire

La Via Vandelli fu progettata nel 1738 dall'ingeniere e cartografo abate Domenico Vandelli per collegare il ducato di Modena alla città di Massa senza dover attraversare lo Stato Pontificio ed il Graducato di Toscana.

L'escursione termina nel piccolo borgo di Resceto, dove attende il nostro pullman, a quota 500 metri circa, dopo circa sette ore dal rifugio Orto di Donna.

Percorso rilevato con GPS e trasportato su mappa Google Earth: in rosso primo giorno; in giallo secondo giorno. Cliccando sul simbolino della macchina fotografica si può visualizzare la foto.

Cava di marmo a Foce Pianza : clicca per aprire la foto Pendici del Sagro : clicca per aprire la foto Crinale tra Sagro e Grondilice : clicca per aprire la foto Salita a Foce Giovo : clicca per aprire la foto Partenza dal rifugio : clicca per aprire la foto Salita a Foce Cardeto : clicca per aprire la foto Sentiero di ritorno : clicca per aprire la foto Sentiero di ritorno : clicca per aprire la foto Cava di marmo alla  Focolaccia : clicca per aprire la foto Click per vedere la foto

cima precedente
Pubblica il tuo commento!
Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy