Athos
 



Confini geografici dei settori alpini ed origine dei nomi

Le Alpi sono le Alpes Montes dei Romani. Il termine è sicuramente di origine preromana, molto probabilmente derivato da una radice mediterranea, alp, con significato di "roccia", "pietra", che forse, secondo recenti interpretazioni, mostra anche influssi centro-asiatici, con il significato di luogo "alto", "elevato".
fai click sull'immagine per navigare

 

Alpi Graie Alpi Giulie Passa il mouse sulla mappa per evidenziare le aree attive. Fai click per ottenere uno zoom.
L'immagina ha una visuale abbastanza inconsueta. L'Italia viene osservata da un punto oltre le alpi.

ALPI MARITTIME:
dal Colle di Cadibona (460 m) al Colle della Maddalena (1.996 m)

ALPI COZIE:
dal Colle della Maddalena al Colle del Moncenisio (2.083 m)

ALPI GRAIE:
dal Colle del Moncenisio al Colle del Petit Ferret (2.537 m)
Si sviluppano nel Piemonte nord occidentale e nella Savoia francese.
Non lontano dal Col Ferret, alla testata della Val d’Aosta, sorge il massiccio del Monte Bianco (4.810 m), massima elevazione della catena. Anche il massiccio del Gran Paradiso (4.061 m) fa parte di questo tratto.

Formavano una provincia romana, quella delle Alpes Graiae con capoluogo Forum Claudium Clutronum, poi divenuto Axima e quindi l'attuale Aime nella Tarentaise. Il termine deriva molto probabilmente da una radice "gre" o"gra", con significato di "roccia".

ALPI PENNINE:
dal Colle del Petit Ferret al Passo del Sempione (2.009 m)

La provincia romana si chiamava Alpes Poeninae. La radice "penn" è molto probabilmente di origine celtica, con significato di "vetta", "cima"; secondo recenti interpretazioni è di derivazione anatolica.

ALPI LEPONTINE:
dal Passo del Sempione al Passo dello Spluga ( 2.117 m)

ALPI RETICHE:
dal Passo dello Spluga al Passo del Brennero (1.350 m)

Nome già in uso in epoca romana per le Alpes Reticae, deriva da Raeti, popolazione di origine etrusca rifugiatasi nelle Alpi Centrali dopo l'invasione celtica. Riguardò anche due province romane, la Raetia Prima in ambito alpino e la Raetia Secunda più a nord, verso il Danubio.

ALPI NORICHE :
dal Passo del Brennero alla Sella di Dobbiaco (confine italo-austriaco)

DOLOMITI:
dalla Sella di Dobbiaco alle Prealpi Venete

Il termine comparve per la prima volta in un libro pubblicato a Londra nel 1864, The Dolomite Mountains di J.Gilbert e G.C.Churchill. Dolomite è il minerale (carbonato doppio di calcio e magnesio) che costituisce la dolomia, roccia sedimentaria organogena che forma in gran parte l'ossatura dei rilievi di questo settore delle Alpi. Era stata studiata, nella seconda metà del XVIII secolo, dal geologo francese Deodat de Dolomieu (1750-1801), da cui prese il nome.

ALPI CARNICHE:
dalla Sella di Dobbiaco al Tarvisio.

Denominazione già in uso in epoca romana, deriva dalla popolazione dei Carni, qui stanziata. Alpes Carnicae era la catena tra la provincia del Noricum e la X Regio, Venetia et Histria.

ALPI GIULIE:
dal Tarvisio al Golfo di Quarnaro

 

Tratto da "Glimmy".


Ottimizzato per una risoluzione 1024x768 .::. Javascript and FlashPlayer 7 required .::. DHTML Menu By Milonic JavaScript
.:: Credits ::. Privacy Policy